Tag Archivio per: tennis

Si è fermata soltanto in finale la cavalcata vincente della rappresentativa del Veneto nella Coppa d’Inverno, manifestazione a squadre per giocatori nati negli anni 2006 e 2007 andata in scena nello scorso fine settimana a Foligno.
A guidare la squadra, insieme con la collega Anna Bezzon, il nostro maestro Mirko Balestro, nuovo fiduciario regionale.
La formazione, accreditata della seconda testa di serie, è stata inserita in un girone con Sardegna, Umbria e Lazio (poi risultato vincitore) giocando al meglio delle sei partite, seconda la formula dei quattro singolari e due doppi.
Oltre a capitan Balestro due le vicentine in rosa: Ludovica Ceolato (Meeting Club Valdagno) e Chiara Albiero (tesserata per la Canottieri Padova).
Con loro Alessandro Battiston, Samuele Seghetti e Sveva Zerpelloni (Ct Scaligero), Victoria Zenato (Plebiscito Padova), Lorenzo Berto ed Edoardo Pezzato (Tc Mogliano).
Il Veneto ha sconfitto all’esordio l’Umbria per 4 a 2 per poi ripetersi con l’identico punteggio contro la Sardegna per poi arrendersi soltanto al Lazio.
“Sono contento, peccato soltanto per la finale anche perchè sono state tutte partite equilibrate anche se i nostri avversari erano probabilmente più forti con i giocatori del 2007 – commenta il maestro Mirko Balestro – Alessandro Battiston ci ha regalato un punto nel singolare mentre Sveva Zerpelloni si è arresa al terzo set come pure nel doppio a fianco di Victoria Zenato perso al long tie-break per 10-5. A quel punto, a risultato acquisito, il Lazio ci ha dato il successo nell’altra sfida che vedeva in campo Battiston e Seghetti. Certo che se non avessimo trovato il Lazio in finale saremmo forse tornati a casa con la vittoria”.
Nelle prime due sfide erano arrivati altrettanti successi: “Nel 4-2 contro l’Umbria abbiamo vinto facile con i 2006 e perso invece con i 2007, con i due doppi che hanno fatto la differenza mentre contro la Sardegna si sono ripetuti Battiston e Zerpelloni, ha giocato e vinto Chiara Albiero mentre Pezzato ha perso 7-6 al terzo set, con Battiston e Seghetti che si imponevano nel doppio al long tie-break a fronte della sconfitta di Zerpelloni e Zenato”.
Il bilancio è comunque positivo: “Sono contento perchè si è creato un grandissimo gruppo e i ragazzi hanno dato in campo l’anima come avevamo chiesto loro. Per me, poi, si è trattato davvero di una bellissima esperienza”.
In squadra anche le due vicentine Ludovica Ceolato e Chiara Albiero: “Ludovica ha confermato di essere una giocatrice in crescita e dalle ottime potenzialità – conclude Balestro – Molto brava anche Chiara Albiero, che ha vinto con autorità l’incontro che l’ha vista in campo. E poi Alessandro Battiston ha confermato di non essere a caso il campione italiano Under 13. Ma, come dicevo prima, al di là delle individualità mi è piaciuta la squadra nel suo complesso. Il Veneto ha dimostrato di poter competere alla pari con formazioni di ottimo livello in una manifestazione che ha fatto vedere un bel tennis a livello giovanile che poi è quello a cui noi maestri puntiamo nel far crescere i nostri ragazzi”.

L’ultima volta era stato sui nostri campi non più di un mese fa ad insegnare ad un suo giovane allievo.

Già perchè neppure la malattia, che aveva minato il fisico e scavato lo sguardo, era riuscita a fiaccare la sua innata passione per il tennis che, quando era con i suoi ragazzi, non gli faceva sentire nè il caldo nè il freddo tanto che poteva restare a fare lezione dalle sei del mattino alle otto di sera. Alla fine, però, ha dovuto riporre la sua racchetta.

Italo Guerra se n’è andato a 80 anni compiuti. E’ stato il maestro di generazioni di tennisti vicentini e tra i suoi allievi ci sono anche Gianni Milan, già n. 12 d’Italia e Federico Mordegan, n. 243 del ranking Atp nel singolare e 70 nel doppio.

“Gestiamo con orgoglio un circolo dove Italo ha fatto la storia del nostro sport – commenta addolorato Enrico Zen – E per noi che viviamo in questo mondo è davvero una grossa perdita per la passione e la dedizione che lo hanno sempre contraddistinto nella sua lunghissima carriera. Da lui abbiamo davvero imparato tantissimo e cercheremo di andare avanti per la strada che ha tracciato. Oggi é un giorno davvero triste e, tra i tantissimi ricordi che riaffiorano alla mente, non posso scordare le nostre infinite partite a tressette. Peccato solo non essere riuscite a finirle”.

“Quando Italo intravedeva in un ragazzo le qualità faceva di tutto per valorizzarle al massimo – ricorda Gianni Milan, vice presidente della Fit e suo allievo – Già perchè tecnicamente richiedeva la perfezione ed era pignolo al massimo, ma poi i risultati gli davano ragione. E poteva restare ore ed ore in campo senza conoscere la stanchezza o sacrificando magari anche la domenica di riposo. E’ stato un grande maestro e un prezioso coach per tutti quei giocatori che ha seguito in una carriera lunga e che ha segnato la storia del tennis vicentino e non solo”.

“Ci ha insegnato davvero tantissimo, con la giusta severità, ma soprattutto con la sua infinita passione – aggiunge il maestro Mirko Balestro – Quando ero ragazzino è stato mio capitano durante la Coppa delle Province, che abbiamo vinto contro Verona. Mi ricordo un episodio:

Italo era in panchina, io stavo perdendo per 5-4 contro Marchetti e lui mi ha detto: mancano sette minuti alla fine della partita. Due per

arrivare al 5 pari e poi gli altri per vincere. E così puntualmente è stato! Quelle sue parole mi hanno aiutato a restare concentrato sul match e a dare il massimo. Poi, quando sono diventato io capitano della rappresentativa di Vicenza conquistando il titolo sempre contro Verona, il maestro Guerra è stato tra i primi a congratularsi. Tra noi ci sono sempre stati una grandissima stima e rispetto. Mi mancherà”.

Ancora una giornata dalle mille emozioni quella ha visto protagonista la nostra squadra di serie A2 di scena sui campi del Tc Genova 1893.

Come domenica scorsa è finita 3-3 e con i doppi ancora una volta a regalare il preziosissimo pareggio contro la squadra favorita del girone.

“Un punto che ci fa stare più tranquilli in vista della trasferta di venerdì a Siracusa e del prossimo impegno casalingo con il Match Ball Firenze” commenta soddisfatto Enrico Zen, sceso in campo un po’ a sorpresa a fianco di Gabriele Bosio nell’incontro vinto per 6-3 6-4 contro Arnaldi/Motti.

A firmare il pari ci pensavano quindi Giovanni Peruffo e Tommaso Dal Santo che si imponevano al long tie-break per 10-3 contro Robert/Picco dopo aver perso il primo set per 6-4 e aver vinto il secondo con l’identico punteggio.

Nei singolari a tenere in partita i nostri era stato Gabriele Bosio (2.4), che aveva battuto Matteo Arnaldi (2.3) per 4-6 6-4 6-3. Era partito benissimo anche Tommaso Dal Santo (2.4), che vinceva 7-5 il primo parziale contro Nicolò Turchetti (2.2) per poi cedere alla distanza per 6-2 6-1.

Niente da fare invece per Giovanni Peruffo (2.5) contro Francesco Picco (2.4): 6-1 6-3 il punteggio a favore del giocatore di casa.

Peccato al contrario per Marco Speronello, schierato da numero 1 della squadra, che contro il prima categoria Stephane Robert (1.12) ha avuto tre match-point prima di arrendersi 7-4 al tie-break del terzo dopo aver vinto il primo 6-4 e aver perso il secondo con lo stesso punteggio in una partita giocata ad altissimo livello in cui la differenza l’hanno fatta pochissimi punti nei momenti decisivi.

Ora neppure il tempo di festeggiare che la testa è già rivolta al doppio impegno nell’arco di tre giorni con la lunga trasferta a Siracusa e poi la sfida casalinga con Firenze. Forza ragazzi!

Un primo e due secondi posti oltre ad una sfida tutta “in famiglia” targata Tennis Comunali Vicenza.

É questo il più che lusinghiero bilancio delle finali del Master Young Boys andate in scena sui nostri campi tra i migliori giovani tennisti della regione.

A conquistare il titolo di “regina” nell’Under 14 é stata Caterina Novello (3.4) che si é imposta contro la compagna di circolo Greta Carretta (3.5) con il punteggio di 6-2 6-1 in una sfida controllata dall’inizio alla fine.

Non é riuscito invece ad esprimere il suo tennis, soprattutto nel primo set, Luca Pavan (3.2), che nella finale Under 14 maschile si é arreso al veronese Giovanni Manfrini (3.3 del Tennis Poiano) per 6-0 6-4.

“Mi spiace perché stavo giocando bene visto che ho già i punti per passare in classifica 2.8” ha commentato un po’ deluso Luca, bravo a recuperare nel secondo set fino al 4-5, a salvare un match-point prima di arrendersi al suo avversario, che nei quarti aveva eliminato il nostro Gianluca Tosato e in semifinale Tommaso Stimamiglio.

Applausi comunque e i complimenti del consigliere regionale della Fit Nicola Martinolli che ha effettuato le premiazioni di tutti i protagonisti di queste finali giovani promesse del tennis veneto.

Gran finale sabato e domenica sui nostri campi di Via Monte Zebio per il Master del circuito Young Boys, manifestazione ideata dal Comitato Regionale Veneto che premierà i migliori giovani giocatori.

All’atto conclusivo si sono qualificati i promettenti tennisti Under 10-12-14 che sono stati inseriti in una speciale classifica regionale in base al punteggio conseguito nei differenti tornei

Nello scorso fine settimana erano in programma i quarti che hanno visto scendere in campo una nutrita rappresentanza anche dei portacolori di Tennis Comunali Vicenza.

Eliminata nell’Under 10 Jovana Iic restano ancora in gara gli altri giocatori, tutti nell’Under 14.

Nel femminile ci saranno Greta Carretta e Caterina Novello che hanno eliminato Emma Bozzetto e Maya Pitteri e sfideranno De Poli e Gasso. Tra i boys, invece, semifinali per Luca Pavan e Tommaso Stimamiglio (nella foto con il maestro Mirko Balestro) che affronteranno rispettivamente Manfrini e Seghetti.

Domenica le finali e, a seguire, le premiazioni alla presenza del presidente del Comitato regionale veneto Mariano Scotton.

 

Dopo i titoli regionali di Terza categoria conquistati da Martina Stefani ed Angela Canton un altro nostro giocatore, nonché maestro, ha conquistato il titolo regionale di Terza categoria.

Federico Fort (3.2) in coppia con il maestro Eric Beltramelli (3.1 del Tc Istrana) ha trionfato sui campi del Ct Costabissara aggiudicandosi la sfida dei maestri che lo ha visto opposto a Michele Martinoli (3.1 del Cr Vicenza) e Luca Costalonga (3.5 del Ct Vicenza).

Nel doppio misto, invece, secondo posto per la nostra Eleonora Benvenuti (3.2) a fianco di Andrea Crepaldi (3.3 del Tennis Adria) sconfitti dai fratelli Silvia (3.2 del Tc Noventa Vicentina) ed Enrico (3.3 del Tc Lonigo).

Doveva essere big-match quello della terza giornata del campione di serie A2 a squadre e la sfida tra Tennis Comunali Vicenza e Tc Rungg non ha tradito le attese e, per otto ore di gioco, ha tenuto tutti con il fiato sospeso pendendo da una parte e poi dall’altra fino al 3 a 3 finale.

Ci sono voluti i due doppi per coronare la rimonta dei padroni di casa che, all’esordio davanti ai propri tifosi, potevano schierare la miglior formazione con l’aggiunta del tedesco Peter Maximilian Heller.
Ma, dopo il primo punto conquistato da Marco Speronello in un incontro dominato contro Moritz Trocker e chiuso rapidamente sul 6-3 6-1, sembrava che la fortuna avesse girato le spalle alla formazione capitanata da Osvaldo Della Valle.
Giovanni Peruffo (2.5) si arrendeva infatti al terzo set per 7-5 a Georg Winkler (2.4) dopo aver perso il primo set con l’identico punteggio e aver vinto il secondo 6-2. Nella partita decisiva Giovanni si trovava in vantaggio per 5-4 con l’avversario che però teneva il servizio, faceva quindi il break e chiudeva vittoriosamente l’incontro.
Match dai tanti rimpianti anche quello di Peter Heller, al debutto con la maglia di Tennis Comunali Vicenza. Il nuovo straniero, classe 1992 e attualmente n. 382 del ranking Atp, è stato comunque protagonista della partita più bella ed intensa contro Marco Bortolotti (2.1). Il tedesco riusciva a riequilibrare il primo set, dopo essersi trovato sotto 5-4, per vincerlo poi al tie-break. Grande equilibrio nel secondo fino al 5-5 con Heller che aveva due palle per portarsi sul 6-5 e, invece, alla fine non riusciva a fare il break per perdere quindi il proprio servizio e il parziale. Nel terzo, però, partiva con il piede e il… braccio giusto per volare fino sul 3-1. Da qui, però, si spegneva la luce e Bortolotti con un bel tennis fatto di accelerazioni, ma anche di servizio e volée infilava cinque giochi consecutivi per chiudere sul 6-3.
Il Tc Rungg incamerava così il secondo punto prima dell’ultimo singolare che vedeva di fronte Marco Carretta (2.5) e Paolo Dagnino (2.4). Anche questo era un match all’insegna dell’equilibrio con “Carry” che vinceva il primo set al tie-break per 7-6 (con un ace sul set point!), perdeva il secondo 6-2, nel terzo set si trovava sotto 3-0, rimontava fino sul 2-3, per poi arrendersi 6-3.
Decisivi risultavano quindi i doppi per una rimonta in cui non tanti avrebbero scommesso vista la giornata storta dei padroni di casa. E, invece, con carattere, determinazione e bel gioco ecco che il 3-3 era servito. Da una parte tutto facile per la collaudata coppia Speronello – Bosio che liquidava Trocker – Brezinski con un duplice 6-3.
Sull’altro campo prima volta assieme per Heller e Peruffo contro Bortolotti e De Rossi. Perso il primo set 6-3 i nostri trovavano l’intesa giusta per aggiudicarsi il secondo 6-4 e quindi coronare la grande rimonta con un long tie-break vinto per 10-4 (con due ace decisivi di Giovanni Peruffo nel momento decisivo!).
Poteva esplodere la festa vicentina al termine di una giornata infinita, giocata in condizioni davvero difficili visto il caldo di un ottobre dalle temperature inusuali, in particolar modo sotto il pallone. Domenica trasferta a Genova sui campi del Tc Genova 1893.  

É Martina Stefani l’autentica regina dei Campionati regionali di Terza categoria andati in scena sui nostri campi di Tennis Comunali Camisano.

La 3.1 di Tennis Comunali Vicenza ha conquistato la corona o, meglio, lo scudetto veneto sia nel singolare che nel doppio insieme con la compagna di squadra Angela Canton.

E pensare che Martina, come racconta il suo presidente Enrico Zen durante le premiazioni, non voleva neppure iscriversi al tabellone individuale.

“Dopo la nostra chiacchierata – aggiunge Zen – il giorno dopo ho visto il suo nome anche nel singolo!”.

Sta di fatto che per Stefani é stata una stagione da incorniciare iniziata con la promozione in serie C nel campionato a squadre, proseguita con il titolo regionale della D1 sempre assieme alle compagne Federica Marini, Angela Canton e Giorgia De Cao e, dulcis in fundo, il doppio titolo ai regionali di Terza.

“Mi aspettavo di far bene – ci dice la giocatrice – però questa é stata una stagione che é andata oltre le attese, davvero unica”.

Tornando alle due finali, nel singolare si é imposta contro la dodicenne Victoria Zenato (3.1 del Plebiscito Padova).

Primo set a senso unico per la Stefani, chiuso sul 6-1. Partenza sprint anche nel secondo dove si portava sul 3-1 facendo subito il break in apertura. Poi la giovanissima avversaria, con un tennis esplosivo, riusciva a rifarsi sotto e a ristabilire l’equilibrio dopo che Martina aveva servito per il match sul 5-3. Sul 5 pari, però, la giocatrice di casa faceva valere la sua esperienza che, associata ad un’ottima condizione atletica e ad un tocco non indifferente (tante le smorzate vincenti!) le permetteva di chiudere sul 7-5.

A Victoria Zenato gli applausi e i complimenti del maestro Alberto Fracaro “padrone di casa” insieme con Enrico Zen.

Senza storia invece la finale del doppio con Stefani affiancata da Angela Canton (3.3), ritornata all’attività agonistica quest’anno dopo una lunga pausa coincisa con il matrimonio e l’essere diventata mamma.

Un duplice 6-1 il punteggio finale contro altre due giovanissime, le gemelle Anna ed Enrica Favaron (3.2 e 3.1 del Tc Padova).

Anche per loro applausi e i migliori auguri per un futuro che si annuncia promettente.

Ringraziamenti al giudice arbitro del torneo Alessandra Babbi e al giudice di sedia Pierangelo Visentin.

Gran finale venerdì 18 ottobre, con inizio alle ore 18, per i Campionati regionali di Terza categoria sui nostri campi di Tennis Comunali Camisano.

A contendersi il titolo veneto saranno la giocatrice di casa Martina Stefani e Victoria Zenato (3.1 del Cs Plebiscito Padova).

A senso unico la semifinale che ha visto Stefani battere Sofia Sambù (3.1 dell’At Verona) con il netto punteggio di 6-2 6-0.

Nel primo incontro, invece, Zenato ha superato Diletta Mungu (3.2 del Tc Padova) per 7-5 6-1.

Dopo l’estate calda che lo ha visto mettere in bacheca una serie di tornei in rapida successione Tommaso Dal Santo torna protagonista mettendo la sua firma nel torneo open andato in scena sui campi del Tennis Club Este.

Il nostro giocatore si é imposto in finale contro Leonardo Mazzucchelli (2.6 del Tc Ca’ del Moro) con il netto punteggio di 6-3 6-1.

Per Dal Santo é stata una cavalcata vincente iniziata nei quarti con il derby con Giovanni Peruffo (2.5) battuto per 6-2 6-3 e proseguita in semifinale contro Lorenzo Favero 2.5 del Cs Plebiscito) superato per 6-4 6-1.

Bravissimo Tommy e adesso la serie A2!