Nella straordinaria cornice di sala degli Stucchi a Palazzo Trissino l’assessore alle attività sportive Matteo Celebron ha ricevuto la nostra squadra neo promossa in serie A1.

Con il presidente Enrico Zen erano presenti il capitano Osvaldo Della Valle ed una larga rappresentanza della formazione: Giovanni Peruffo, Tommaso Dal Santo, Marco Carretta e i giovanissimi Simone Fucile e Tommaso Bertuzzo.

“Alla società Tennis Comunali Vicenza vanno i complimenti da parte dell’amministrazione e della città per questa promozione che vede il ritorno dei colori biancorossi in serie A1 dopo tanti anni di assenza – ha dichiarato l’assessore Celebron – Si tratta di una società solida, con obiettivi chiari dal punto di vista sportivo e organizzativo, che lavora bene per la città: fare sport non significa, infatti, solo puntare sull’agonismo e sui risultati ma soprattutto sull’educazione e sulla promozione di valori tra gli uomini e le donne del domani”.

La parola é passata quindi ad Enrico Zen: “É per me un grande orgoglio essere qui oggi a festeggiare la promozione in serie A1 – ha affermato il nostro presidente – Proprio da questa sala, dall’ineguagliabile bellezza e dall’altrettanto rilevante significato istituzionale, era partita l’avventura della nostra squadra di A2.

La presentazione ufficiale alla presenza del sindaco Francesco Rucco e dell’assessore Matteo Celebron era stata beneagurante in vista di quella che si sarebbe poi rivelata una cavalcata vincente, che ci ha portato un po’ in tutta Italia, da nord fino alla Sicilia, in un crescendo di emozioni culminate nella doppia finale dei playoff contro il TC Lecco. Ancor oggi, nel rivedere le immagini di quelle partite fino al match-point decisivo nel doppio, provo un qualcosa che é difficile spiegare a parole.

C’é innanzi tutto la soddisfazione di veder ripagato il lavoro, iniziato ormai dieci anni quando abbiamo preso in gestione l’impianto di via Monte Zebio, e che ci ha portato ad essere un circolo di riferimento e all’avanguardia in città, in provincia e in regione, non a caso sede di uno dei Centri tecnici nazionali della Federtennis.

I risultati oggi sotto gli occhi di tutti sono frutto di un lavoro di squadra, a cominciare dai nostri maestri, per continuare con tutte le persone che contribuiscono quotidianamente a far sì che centinaia di persone che frequentano i nostri campi possano usufruire di un servizio in cui qualità e competenza sono le parole d’ordine.

E poi c’è la passione che ogni giorno ci fa scendere in campo accanto ai giovani cercando di aiutarli nel loro percorso di crescita sportiva ed umana provando a far sì che i loro sogni si realizzano.

L’esempio ci arriva da Simone Fucile e Tommaso Bertuzzo, che rispettivamente a 17 e 16 anni hanno avuto la possibilità di esordire, vincendo, in un campionato difficile come la serie A2.

Loro rappresentano il nostro futuro mentre Gabriele Bosio, Giovanni Peruffo, Tommaso Dal Santo e Marco Carretta sono già il nostro presente che, accanto di giocatori di esperienza come Pedro Martinez Portero e Pietro Rondoni, ci proiettano già al prossimo campionato.

Una sfida importante come lo è essere tra le migliori 16 squadre d’Italia, che affronteremo con i piedi ben saldi per terra o, meglio, in campo, però con quel pizzico di sfrontatezza che di solito caratterizza i giovani.

Perchè i giovani, quelli della scuola Sat come dell’agonistica, sono i tennisti da plasmare, ognuno in modo differente, per provare ad ottenere il meglio da ognuno.

Ma non dimentichiamo i nostri quasi mille soci, gli appassionati non agonisti, che sono la nostra base da sempre, lo zoccolo duro di un’attività amatoriale non meno importante.

Tutto questo é reso possibile grazie al supporto fondamentale degli sponsor.

Un grazie, ultimo ma non ultimo, va all’Amministrazione comunale, al sindaco Rucco e all’assessore Celebron, che da subito ci sono stati vicini, “sposando” la filosofia di Tennis Comunali Vicenza e rendendo possibile una serie di interventi, dal nuovo campo da padel alla sistemazione dei vialetti, che rendono il nostro circolo, oltre che più bello, usufruibile davvero da tutti.

E, allora, non ci resta che tuffarci in questa nuova avventura che, non a caso, inizia con la A maiuscola: quella della serie A1″.

A congratularsi per il prestigioso obiettivo raggiunto anche Luigi Battistolli, presidente di Panathlon Vicenza, ma soprattutto grande uomo di sport che, alla passione per i motori che lo vede ancora primeggiare a livello italiano ed europeo nei rally storici, unisce un interesse autentico e coinvolgente per tante altre discipline, dal rugby al tennis appunto.

Non é potuto essere presente, in quanto impegnato a Melbourne per gli Australian Open nel suo ruolo istituzionale di vice presidente della Federtennis, Gianni Milan, che ha rinnovato in un messaggio i suoi complimenti per il risultato ottenuto che riporta dopo anni Vicenza nell’élite del tennis nazionale.