Articoli

Tutto facile o quasi per la nostra squadra di serie B2 che, nella penultima giornata della fase a gironi, va a vincere con un netto 5-1 a Cerea consolidando così il secondo posto alle spalle della corazzata Rungg, assoluta dominatrice del raggruppamento e pronta a festeggiare la promozione in B1.

Per i nostri ragazzi, invece, i sogni di gloria potrebbero passare attraverso i playoff dopo l’ultimo impegno, in programma domenica prossima, contro il TC Triestino: un punto consentirebbe di blindare il secondo posto ai danni del Plebiscito Padova.

“Non voglio fare calcoli, ma vincere” commenta capitan Mirko Balestro che ha dato spazio ai giovani, con Tommaso Bertuzzo e Simone Fucile, finora sempre vittoriosi nel doppio, che non tradiscono la fiducia anche nei singolari: se Fucile (2.8) non ha avuto problemi contro Corradini (3.2), Bertuzzo é stato protagonista di un’ottima prova contro un avversario, Bandini, oggi 2.8 in classifica, ma ex 2.2 come testimonia la potenza del braccio.

“Le prestazioni dei nostri giovanissimi sono la nota più positiva della giornata” aggiunge Balestro.

Più combattuto di quanto dica il punteggio il match di Tommaso Dal Santo contro Pacchiega mentre Giovanni Peruffo, dopo aver perso il primo set, ha ritrovato concentrazione e misura dei colpi per avere la meglio di Dario Punia.

A risultato ormai acquisito, ininfluenti i due doppi, che hanno visto un ritiro per parte, complice anche il grande caldo della giornata, che aveva messo a dura prova i giocatori.

 

TC Cerea – Tennis Comunali Vicenza 1-5

SINGOLARI: Giovanni Peruffo (2.4) b. Dario Punia (2.7) 3-6 6-1 6-2, Tommaso Bertuzzo (2.6) b. Simone Bandini (2.8) 7-5 6-1, Tommaso Dal Santo (2.3) batte Edoardo Pacchiega (2.6) 6-2 6-1, Simone Fucile (2.8) batte Davide Corradini (3.2) 6-1 6-2
DOPPI: Bertuzzo/Fucile b. Punia/Corradini 2-1 rit.,  Bandini/Ballottari b. Balestro/Dal Santo 2-1 rit.

Grande prestazione della nostra squadra di serie B2 capitanata dal maestro Mirko Balestro che batte per 4-2 il Tennis Levico Terme conquistando la seconda vittoria consecutiva e la terza del girone.
Sotto per 2-0 dopo i primi due singolari a seguito delle sconfitte di Matteo Meneghetti e Giovanni Peruffo, la rimonta parte con i due importantissimi successi di Tommaso Dal Santo e di Marco Carretta Carry e si completa grazie ai doppi con da una parte Dal Santo e Peruffo e dall’altra i giovanissimi Tommaso Bertuzzo e Simone Fucile, autori di una prova maiuscola che vale il 4-2 finale.

Pronto riscatto per la nostra squadra di serie B2 che, con una prova maiuscola, si impone per 5-1 sui campi del Plebiscito Padova.

La sfida si indirizza sui binari giusti già al termine dei singolari chiusi sul parziale di 3-1: Giovanni Peruffo (2.4) batte Lorenzo Favero (2.3) con il punteggio di 6-3 6-2, Matteo Meneghetti (2.5) regola Tommaso Parpajola (2.7) per 6-4 6-2 e Marco Carretta (2.7) supera Andrea Pavia (2.8) per 6-4 6-1. L’unica sconfitta, dopo tre ore e mezza di battaglia, é quella di Tommaso Dal Santo (2.3), fresco vincitore ai tornei open di Dolo e Bovolone, che si arrende al forte Alessandro Ragazzi (2.2) per 7-5 4-6 5-7.

A regalare i punti decisivi ci pensano i doppi con da una parte Peruffo e Meneghetti che prevalgono su Garbin/Ragazzi per 6-2 4-6 13-11 al long tie-break dopo aver annullato anche un match-point agli avversari e dall’altra Simone Fucile e Tommaso Bertuzzo vincitori su Favero/Pavia per 6-3 7-6(0).

“Bravissimi – il commento a caldo del capitano Mirko BalestroUn’ottima prestazione da parte di tutti, dal primo all’ultimo, con i nostri due giovanissimi Simone Fucile e Tommaso Bertuzzo che hanno dato prova di maturità contro avversari di qualità. Adesso mercoledì 2 giugno ci attende un’altra sfida molto delicata, contro il Levico, in casa, dove bisognerà mantenere altissima la concentrazione”.

Salvezza raggiunta per la nostra squadra A impegnata nel campionato di serie C.
La formazione capitanata da Alessia Stefani ha battuto per 3-1 il Plebiscito Padova nell’ultima giornata del girone.
Nei singolari successi per Adele Burato (2.4) contro Melissa Maria Valerio (2.8)con un duplice 6-2 e di Stefani contro Diletta Maria Mungo (3.1) per 6-0 6-2 a fronte della sconfitta di Alice Paterno (3.1) ad opera di Serena Forzutti (3.2) con il punteggio di 6-2 6-3.
Era poi il doppio composto da Burato e Paterno a regalare il punto della vittoria regolando Valerio/Forzutti per 6-0 6-2.

Esordio amaro nel campionato di serie C femminile per la nostra squadra A, sconfitta per 3-1 dal San Giovanni Lupatoto.

Che si trattasse di un avversario difficile lo si sapeva e il campo lo ha confermato.

A regalare l’unico punto alle nostre é stata il nuovo acquisto Adele Burato (2.4), che si é imposta in rimonta contro Samira Peverato (2.7) con il punteggio di 3-6 7-5 6-1
Negli altri due singolari, invece, sconfitte per Alessia Stefani (2.5) contro Gaia Cipriani (3.1) per 6-0 7-6 e per Carolina Bicego (3.5) con Carlotta De Amicis (3.1) per 6-4 2-6 6-1.

A risultato acquisito nel doppio Burato in coppia con Alice Paterno (3.1) che si arrendono a Peverato/Cipriani per 7-6 6-3.

Domenica prossima, 18 aprile, il debutto casalingo contro l’Eurotennis mentre la formazione B capitanata da Angela Canton, che nella prima giornata ha battuto la Canottieri Padova, sarà ancora in trasferta contro l’AT Verona.

La nostra squadra di serie C “targata” Mechanic System perde per 4-2 la semifinale con il TC Cerea, ma non vede ancora svanire i sogni promozione che passeranno attraverso lo spareggio di domenica, ancora in trasferta, contro lo Sporting Club 2001 di Vittorio Veneto del maestro Luca Serena.

Venendo alla sfida sfida di domenica, giocata in terra veronese, sono i doppi a condannare i nostri portacolori al termine di un confronto combattuto ed equilibrato che aveva visto il risultato in parità dopo i quattro singolari. A conquistare i due punti vicentini sono stati Tommaso Dal Santo (2.4), che ha battuto il pariclassifica Lorenzo Corioni per 6-2 5-7 10-1 e Simone Fucile (2.7), che ha superato Jacopo Rossi (2.6) per 6-2 3-6 10-7. Sconfitte, invece, per Giovanni Peruffo (2.4) e Tommaso Bertuzzo (2.7), che si sono arresi rispettivamente a Mike Urbanija (2.4) per 7-6 6-3 e a Dario Punia (2.8) per 6-2 6-4.

Decisivi, dunque, risultavano i doppi con capitan Mirko Balestro che si schierava in campo a fianco di Peruffo e dall’altra parte si affidava ai “baby” Fucile e Bertuzzo. Ed erano proprio loro ad andare vicinissimi al successo arrendendosi ad Urbanija/Buffo per 7-5 2-6 4-10. Più netta la sconfitta di Balestro/Peruffo, che perdevano con Ghidetti/Corioni per 6-3 6-1.

“Peccato, ma non posso che dire bravi ai miei ragazzi – commenta il maestro Balestro – Hanno dato tutto e anche oggi sono stati protagonisti di buone prestazioni contro avversari che, come del resto sapevamo, hanno dimostrato tutto il loro valore e a cui faccio i complimenti. Dispiace per il risultato, con Peruffo che nel tie-break ha avuto un set point a suo favore e con Bertuzzo che si è arreso ad un giocatore che aveva già battuto. Bravo però nel doppio con Simone Fucile mentre io ho pagato un po’ la non abitudine a disputare partite, in particolare non riuscendo a rispondere. Adesso ci attende la sfida decisiva con il Vittorio Veneto, un altro squadrone, composto da ottimi giocatori a cominciare dal 2.3 Luca Serena: in palio la promozione in serie B”.

Missione compiuta! La nostra squadra maschile di serie C “targata” Mechanic System espugna a Mestre i campi del Green Garden e vola in semifinale.

5-1 il risultato finale con la sfida che si indirizza subito sui binari giusti: Tommaso Dal Santo e Giovanni Peruffo, i due 2.4 della formazione capitanata nell’occasione da Luca Minuzzo, si impongono entrambi con il punteggio di 6-4 6-3 rispettivamente contro Marco Rampazzo (2.4) e Giovanni Orsoni (2.5). Successo facile anche per Simone Fucile (2.7), il giovanissimo del gruppo, che fa valere la sua classifica superando per 6-2 6-1 Alessandro Arena (3.2).

L’en plein nei singolari sfuma quando Andrea Bortolon (2.7) si arrende soltanto al long tie-break al pariclassifica Marcello Bassi, che vince per 6-4 2-6 10-7.

A regalare i punti della qualificazione ci pensano allora i doppi: da una parte Dal Santo/Peruffo hanno la meglio al termine di un’autentica battaglia conclusa 6-4 2-6 11-9 contro Rampazzo/Bassi mentre Fucile in coppia con il maestro Enrico Zen regola per 6-4 6-2 Orsoni/Salzano.

Applausi per tutti e il sogno continua!

 

Debutto vincente per la nostra squadra di serie C che fa il suo esordio nel tabellone ad eliminazione diretta battendo per 4-0 sui campi di casa il TC Sanguinetto.

Tutto già deciso al termine dei singolari: Giovanni Peruffo (2.4) rifila un duplice 6-0 a Lorenzo Bortolazzi (2.8), Simone Fucile (2.7) supera Pietro Zuliani (3.1) per 6-2 6-4, Andrea Bortolon (2.7) batte Alessandro Cibin (2.8) per 6-4 3-6 10-4 al long tie-break ed infine Tommaso Bertuzzo (2.7) regola Arismendy Estevez Perez (3.1) con il punteggio di 6-1 6-3.

Domenica si replica!

Finisce purtroppo subito, contro il San Giovanni Lupatoto, l’avventura della nostra squadra B al suo debutto assoluto nel campionato di serie C.

3-0 il risultato a favore delle veronesi, che ipotecano il passaggio del turno nel tabellone ad eliminazione diretta aggiudicandosi i tre singolari.

Il più combattuto vede Martina Stefani (2.7) arrendersi con un duplice 7-5 a Gaia Cipriani (2.8).

Niente da fare neppure per Carolina Bicego (3.4) che cede per 6-1 6-4 a Carlotta De Amicis (3.1), che fa valere il suo gioco più regolare da fondo campo, piazzando al momento giusto variazioni mirate a costruire il punto con il back e la palla corta, contro la nostra giocatrice che paga un po’ anche l’emozione dell’esordio nella categoria.

Infine, la capitana Federica Marini (4.3) non riesce a contrastare Martina Rumeo (3.4) perdendo per 6-0 6-1.

“Ci riproveremo l’anno prossimo con la massima determinazione – commenta a fine partita Marini – Oggi ci mancavano due pedine importanti, ma complimenti alle nostre avversarie che si sono dimostrate squadra di livello”.

Sconfitta anche la squadra C nella sfida con la ST Bassano.

In formazione largamente rimaneggiata e con sole due giocatrici a disposizione arrivano le sconfitte di Matilde Hyvoz (3.3) ad opera di Sara Secco (3.2) con un duplice 6-1 e di Sofia Menardi (3.3) con Kristal Dule (3.1) con il punteggio di 6-2 6-4.

Matilde Hyvoz e Sofia Menardi

Obiettivo raggiunto! Al suo primo campionato di A1 Tennis Comunali Vicenza centra l’obiettivo salvezza al termine delle tre giornate di gara, senza dover ricorrere ai playout.

Il successo all’ultimo respiro contro il TC Genova 1893, ben più sofferto e combattuto di quanto possa far pensare il 5-1 finale, ha regalato alla squadra berica la permanenza anche per la prossima stagione nell’élite del tennis italiano.

“Quella trascorsa domenica é stata una giornata da cardiopalma – esordisce Enrico Zen, presidente e capitano della formazione insieme con Osvaldo Della Valle – Marco Cecchinato é stato bravissimo a far ruotare una partita che lo vedeva sotto 5-2 con Arnaboldi, dimostrandosi una volta di più uomo squadra, di grande cuore ed attaccamento alla maglia. E, nonostante la sconfitta di Gabriele Bosio ad opera di un avversario, Matteo Arnaldi, decisamente più forte, siamo riusciti a chiudere i singolari sul 3-1 grazie ai successi di Giovanni Peruffo e di Aljaz Bedene. Anche in questi due incontri c’é stata grande sofferenza perché Giovanni, dopo aver vinto facilmente il primo set, ha un po’ rallentato prima di chiudere 7-5. Bedene si é trovato invece sotto di un break, ha comunque portato a casa il parziale per 7-5, nel secondo ha avuto un’infinità di occasioni prima di perdere il servizio e regalare a Diez il 6-4. Al long tie-break, pronti, via e si é trovato sotto 3-0, 5-1, 7-4, prima di completare una rimonta grazie ad un tennis di grandissima intensità. E lo stesso é capitato nel doppio con Cecchinato dove, in svantaggio per 2-4, ha girato la partita in modo clamoroso, alzando il livello con un’intensità da paura, fino al pallonetto di Cecchinato che é valso la vittoria e finalmente é potuta esplodere la nostra gioia. Sono davvero contentissimo perché rimaniamo in serie A1, tra le migliori squadre d’Italia.

Certo, con il senno di poi, c’é un po’ di rammarico per la sconfitta di sette giorni fa con il TC Crema, ma va benissimo comunque così. Siamo secondi in classifica e adesso ci attendono quindici mesi davanti per far crescere il nostro vivaio, che ci aveva regalato tante soddisfazioni in A2 e che ha pagato lo scotto del salto di categoria. Intanto sono contento per il primo successo di Peruffo sperando che da qui in avanti la stagione sia per lui ricca di soddisfazioni. Questo primo campionato di A1 é stato davvero bello, abbiamo dimostrato di essere competivi con i nostri tre nuovi giocatori,  Cecchinato, Bedene e Fabbiano che,,al di là delle loro grandissime qualità hanno dimostrato di tenere alla maglia e hanno saputo fare squadra”.

E proprio Marco Cecchinato si é confermato il giocatore in grado di fare la differenza, con 3 successi su 3 nei singolari e un 2 su 3 nei doppi.

“Sono contento di questo campionato anche se resta un pizzico di rammarico per la sconfitta casalinga con Crema – commenta l’ex n. 16 del mondo – Se avessimo vinto si sarebbero aperte infatti le porte dei playoff. É stato un campionato breve, ma molto intenso e combattuto. Ci tenevo tanto a salvare la squadra alla sua prima stagione in A1 e devo dire che mi sono trovato benissimo. I ringraziamenti d’obbligo sono per Enrico Zen, Osvaldo Della Valle e Mirko Balestro, le persone che mi sono state più vicino, ma anche per i ragazzi, con cui abbiamo fatto gruppo. Senza dimenticare naturalmente gli sponsor. In campo con Bedene, poi, mi sono trovato benissimo. Dispiace per il doppio perso al long tie-break con Fabbiano altrimenti avrei chiuso imbattuto. Adesso posso concentrarmi soltanto sulla nascita di mio figlio, prevista tra una settimana, poi alla ripresa dei tornei internazionali da metà agosto insieme con il mio coach Max Sartori penserò a risalire la classifica. Ho grande voglia di giocare, di tornare in alto e credo che Max, che stimo tantissimo e in cui ho grande fiducia, sia la persona giusta per riportarmi ad altissimi livelli”.

Marco Cecchinato