Tag Archivio per: Tennis Comunali Vicenza


Si ferma in semifinale la cavalcata vincente del nostro Tommaso Stimamiglio nel Super Next Gen Italia in corso di svolgimento sui campi del circolo.
Tommy si arrende per 6-4 7-5 a Sevan Bottari (3.1 ma già con i punti da 2.6 della Galimberti Tennis Academy) in una partita equilibrata in cui la differenza la fanno gli episodi e si decide in pochi punti.
In ogni caso un bel torneo per il giocatore di casa che ha messo in mostra tutte le sue qualità.

Nell’altra semifinale Umberto Ciato (2.7 del Tennis Club Padova) piega al termine di una battaglia durata tre ore, senza esclusioni di colpi e con davvero un bel tennis, Alex Guidi (2.8 del Circolo Tennis Villa Carpena) con il punteggio di 5-7 7-6 6-2.

Finale domenica 24 aprile alle ore 11: a seguire le premiazioni!

Da venerdì 15 a domenica 24 aprile torna il grande tennis giovanile in città con la tappa del circuito Super Next Gen Italia che farà tappa sui nostri campi per quanto riguarda il torneo maschile e del CTV per il tabellone femminile.

“E’ un piacere ospitare questo torneo in collaborazione con il CTV – esordisce Enrico Zen, presidente di Tennis Comunali Vicenza –  e vedere all’opera i migliori ragazzi di 16-18 anni di Macroarea. Sposo appieno questa iniziativa della Federazione che, negli ultimi due anni, ha aperto il circuito anche alla categoria dei più grandi. Una scelta forse inizialmente dettata dall’emergenza Covid, che però speriamo rimanga nel tempo”.

Del resto i numeri si confermano buoni: 118 per i ragazzi e 60 per le ragazze con Francesco Testori (2.6 del Tennis Villafranca) e Samira Peverato (2.6 del Tennis S. Giovanni Lupatoto) teste di serie n. 1.

Nei tabelloni di Seconda categoria a guidare la pattuglia vicentina saranno da una parte il nostro Tommaso Stimamiglio (2.8) e, dall’altra, Caterina Novello (2.6 del CTV, vincitrice della passata edizione), Chiara Di Vina (2.8 del CTV) e Ludovica Ceolato (2.7 del Meeting Valdagno). Tra i Terza, invece, Francesco Marangon (3.1 di Tennis Comunali Vicenza), Pietro Cappellaro (3.1 di Tennis Palladio 98) e Carolina Dibenedetto (3.1 del CTV).

“Una manifestazione interessante – dichiara Alberto Bovone, direttore tecnico del CTV – che conferma la collaborazione tra i due circoli. Anzi, per il futuro si potrebbe anche pensare di alternare partite maschili e femminili, pur con qualche difficoltà in più a livello logistico”.

Si inizia venerdì 15 aprile, con giornata di riposo a Pasqua.

Il lunedì di Pasquetta doppio turno per i ragazzi mentre per le giocatrici è previsto martedì con l’entrata in gara delle Terza categoria.

Per quanto riguarda il regolamento si giocherà al meglio dei tre set con long-tie break al posto del terzo set tranne che in semifinale e finale.

Ai Comunali le partite saranno indoor mentre al CTV in due campi coperti e uno all’aperto.

Giudici arbitri dei due tornei Cesare Marsili e Fabio Giaretta.

“L’augurio innanzi tutto è che continui la collaborazione con il CTV e, anzi, si possa ulteriormente rafforzare – conclude Enrico Zen – L’unione e le sinergie, infatti, potrebbero portare ad ospitare a Vicenza un altro torneo di alto livello dopo il Challenger. E, poi, naturalmente l’auspicio é che i ragazzi si divertano e di vedere un buon livello di gioco”.

“Speriamo che tutto proceda al meglio, senza intoppi – gli fa eco Alberto Bovone – e chissà che presto in città torni una tappa delle pre-qualificazioni agli Internazionali BNL di Roma, tornei open di grande richiamo per i giocatori come testimoniano i numeri che si registrano un po’ dappertutto sia nei tabelloni maschili che nel femminile”.

Riparte dal campionato di serie A2 la nuova stagione di Tennis Comunali Vicenza.

“Abbiamo iscritto la squadra e la volontà è quella di essere assoluti protagonisti per lottare e cercare di risalire nell’eccellenza del tennis italiano”.

A parlare è Enrico Zen, il presidente del circolo cittadino ormai da anni un fiore all’occhiello a livello regionale e nazionale.

La delusione per la retrocessione arrivata ai playout, al termine di un torneo condizionato pesantemente dagli infortuni, è ormai archiviata.

Lo sport insegna che bisogna guardare avanti ed Enrico Zen lo fa presentando la formazione che sarà al via della A2.

“Sono stati confermati Marco Cecchinato ed Aljaz Bedene, che hanno superato i problemi fisici dell’ultima parte dello scorso anno e saranno le nostre punte di diamante.

Con loro Tobias Kamke, che si è rivelato una gran bella sorpresa, giocatore importante, ma soprattutto uomo squadra: quando ha visto che ci trovavamo in difficoltà ha fatto letteralmente i salti mortali per poter scendere in campo. Ecco, per me queste sono cose che fanno la differenza al di là delle sue indiscusse qualità in campo”.

Confermatissimo anche Gabriele Bosio, uno dei giocatori del vivaio: “Nel 2021 Gabriele ha dimostrato una crescita importante – continua Zen – che ci fa guardare al futuro con ottimismo. E poi non dimentichiamo tutti i nostri ragazzi più giovani, che quest’anno hanno accumulato esperienza in un campionato difficile come la serie A1 e adesso devono farne tesoro per ritagliarsi il loro spazio”.

Il volto nuovo è invece quello di Riccardo Balzerani, classe 1998, n. 498 del mondo, allenato da Simone Vagnozzi, oggi coach di altissimo livello e prima giocatore anche di Tennis Comunali Vicenza, con cui ha conquistato nel 2015 la promozione in A2.

“Sono molto contento di poter giocare per Vicenza – commenta il neo-acquisto – Non vedo l’ora di poter dare il mio contributo ed aiutare la squadra e il circolo a raggiungere gli obiettivi che si sono prefissati. Dal punto di vista personale punto a scalare la classifica ATP per arrivare intorno al 300° posto e poi mi piacerebbe disputare le qualificazioni di un torneo del Grande slam”.

La sfida è lanciata!

Una 500 che sfida una Ferrari?

In questa immagine Enrico Zen, presidente di Tennis Comunali Vicenza, racchiude il 3-3 ottenuto nella gara di andata dei playout per la permanenza in serie A1 contro il TC Crema di Paolo Lorenzi.

“La sera prima di scendere in campo avremmo firmato per un pareggio  – commenta – mentre oggi siamo qui con qualche rimpianto per quei due match-point non concretizzati avuti nel doppio che mi ha visto schierato insieme con Giovanni Peruffo. Sul mio servizio ho cercato l’ace quando forse avrei potuto optare per una palla più angolata ma meno forte. Quando invece ho risposto è stato bravo Ungur a mettere una prima non troppo potente che mi ha un po’ sorpreso, con conseguente rovescio in rete”.

Non sono mancate però le note positive: “Giovanni Peruffo ha vinto un singolare che non era così scontato portare a casa confermando tutti i progressi visti quest’anno e poi in doppio è stato davvero bravissimo contro due giocatori di grandissima qualità come Ruggeri e Ungur. Tobias Kamke, poi, ha dominato la scena contro Paolo Lorenzi, ripetendosi nel doppio a fianco di Gabriele Bosio, che ha dimostrato ancora una volta di essere un compagno di alto livello. Peccato per Tommaso Dal Santo, di nuovo alle prese con problemi alla schiena: speriamo di poterlo recuperare per domenica”.

Già perché domenica 5 è in programma la sfida che vale una stagione e, soprattutto, la serie A1: “Ce la giocheremo come sempre – conclude Zen – E bisogna vedere se Crema recupererà Golubev, impegnato fino a ieri in Coppa Davis con il Kazakistan. In ogni caso, in una stagione condizionata dai tanti infortuni, cercheremo di fare squadra e di lottare al meglio delle nostre possibilità”.

 

Tennis Comunali Vicenza – TC Crema 3-3

SINGOLARI: Vincent Ruggeri (2.2) b. Bosio (2.3) 6-2 6-4; Ungur (2.3) b. Dal Santo (2.3) 1-0 rit.; Kamke (1.17) b. Lorenzi (1.12) 6-3 6-2; Peruffo (2.4) b. Datei (2.4) 7-6(2) 1-6 6-2.

DOPPI: Kamke/Bosio b. Lorenzi/Datei 6-4 7-5; Ungur/Ruggeri b. Zen/Peruffo 6-2 2-6 14-12. .


Niente da fare per Tennis Comunali Vicenza contro il TC Rungg, capolista imbattuta del girone che si aggiudica per 5-1 la sfida della penultima giornata della fase a gironi.

Troppe le assenze nella squadra di Enrico Zen per poter tornare con un punto dalla trasferta altoatesina. 5-1 il risultato finale con l’unico punto arrivato dal doppio  composto da Giovanni Peruffo e da Enrico Zen che si imponevano per 1-6 6-4 10-6 al long tie-break contro Prader-Rieder.

Nei singolari, invece, tutto in discesa per i padroni di casa. L’unico a dover lottare fino al terzo set per oltre due ore e mezza é stato Federico Gaio contro un Gabriele Bosio che, una volta di più, ha confermato i grandi progressi ed un carattere che l’ha portato a lottare punto su punto fino allo sfortunato epilogo per 7-5 per il suo avversario che aveva vinto il primo parziale 6-4 e perso il secondo 6-1.

L’altra nota lieta della giornata arriva dal debutto in singolare di Tommaso Bertuzzo, classe 2004, che si è arreso con un onorevole 6-2 6-4.

 

TC Rungg – Tennis Comunali Vicenza 5-1
SINGOLARI: Ejupovic (2.1) b. Peruffo (2.4) 6-2 6-2: Winkler (2.4) b. Carretta (2.5) 6-1 6-4; Figl (2.5) b. Bertuzzo (2.6) 6-2 6-4: Gaio (1.11) b. Bosio (2.3) 6-4 1-6 7-5.

DOPPI: Figl/Bortolotti b. Fucile/Meneghetti 6-2 6-0 Zen/Peruffo b. Rieder/Prader 1-6 6-4 10-6.

Finisce in parità, sui campi del Tennis Club Genova 1893, la prima sfida di campionato della nostra squadra di serie A1.
Non tradiscono le attese Marco Cecchinato e il tedesco Tobias Kamke, che regalano i tre punti con i successi nei rispettivi singolari (contro Arnaldi e Andrea Arnaboldi) e nel doppio a fronte delle sconfitte di Gabriele Bosio e Giovanni Peruffo contro Federico Arnaboldi e Francesco Picco, con i due giocatori del vivaio berico che si arrendono anche nel doppio, piegati per 7-6 nel secondo set quando si era riaccesa la speranza di potersi giocare tutto al long tie-break del terzo.
In ogni caso un buon punto in vista dell’esordio casalingo, domenica 17 ottobre, a partire dalle ore 10, contro il Tennis Club Rungg, che ha battuto per 4-2 il Selva Alta.

“Innanzi tutto vorrei sottolineare la grande prestazione del tedesco Kamke, al debutto con la nostra squadra, che ha dimostrato tutto il suo valore, contro un giocatore talentuoso e in piena fiducia come Arnaldi – commenta il presidente Enrico ZenSotto di un set e di un break, con la palla del possibile 0-3, é riuscito a cambiar volto alla partita giocando un tennis di altissimo livello.

Per quanto riguarda invece Marco Cecchinato ha dimostrato di essere di un’altra categoria sulla superficie e nelle condizioni di gioco che più gli si addicono: la differenza in campo si è vista e non posso che fargli i complimenti. Passando ai nostri giovani, Gabriele Bosio, pur essendo in crescita dopo aver conquistato anche i primi punti Atp, si è trovato di fronte un avversario davvero difficile da battere.

Giovanni Peruffo, come già dimostrato in passato,  fa sempre fatica nelle prime partite, dovendo fare i conti con la tensione e a sua volta ha affrontato un giocatore dall’ottimo passato, che conferma tuttora il suo valore. Speravo riuscissero a compiere l’impresa nel secondo set, per poi giocarsi il match al long tie-break, ma Picco e Arnaldi sono riusciti nei momenti decisivi a mettere in mostra quel qualcosa in più che ha fatto la differenza. Il pareggio finale?

Nello sport, e nel tennis in particolare, si punta sempre alla vittoria, ma contro una squadra di qualità come il TC Genova può andare bene anche un punto. Domenica ci aspetta un’altra sfida difficilissima contro il TC Rungg in cui bisognerà essere al massimo per fare risultato. E chiedo anche agli appassionati di venirci a sostenere numerosi e di far sentire il loro tifo: ne avremo bisogno”.

 

TC Genova – Tennis Comunali Vicenza 3-3

Singolari: Kamke (1.17-C) b. Arnaldi (2.1-G) 3-6 6-4 6-3, Federico Arnaboldi (2.1-G) b. Bosio (2.3-C) 7-5 6-2, Cecchinato (1.7-C) b. Andrea Arnaboldi (1.20-G) 6-3 6-2, Picco (2.5-G) b. Peruffo (2.4-C) 6-2 6-4.

Doppi: Cecchinato/Kamke (TC) b. Arnaboldi/Arnaboldi (G) 6-4 7-5, Picco/Arnaldi (G) b. Bosio/Peruffo (TC) 6-4 7-6(2)

Torna a “rombare” la squadra di serie A1 di Tennis Comunali Vicenza e lo fa presentandosi nella sede Autogemelli, nuovo sponsor della società, in vista della prima giornata di campionato, in programma domenica 10 ottobre sui campi del TC Genova.

“Approfitto di questa occasione per ringraziare Autogemelli per aver appoggiato l’amministrazione comunale nel peggior periodo storico degli ultimi anni, ovvero durante la pandemia da Covid 19 – ha esordito il sindaco Francesco Rucco – La società ha aiutato, infatti, la protezione civile grazie ad alcuni mezzi messi a disposizione per gli spostamenti e ha sostenuto la raccolta Vicenza solidale promossa per aiutare le famiglie in difficoltà. A nome anche del vicesindaco con delega allo sport Matteo Celebron esprimo un grande in bocca al lupo a Tennis Comunali Vicenza, che in questi ultimi anni ci ha regalato molte soddisfazioni, sia a livello di riqualificazione della struttura comunale sia per i risultati raggiunti, prima con la promozione in serie A1 e poi con il consolidamento della categoria. E lo dico da sindaco, ma anche da grande appassionato, essendo il tennis il mio secondo sport dopo il calcio. Credo che soprattutto in questo momento di ripartenza lo sport possa aiutarci a ritrovare qualche sorriso in più, visto il ruolo che riveste anche a livello sociale, non dimenticando però i successi che i nostri atleti e squadre sono riusciti a conquistare nelle più diverse discipline”.

Al fianco del primo cittadino il vice presidente della Federtennis Gianni Milan: “Un grazie alla Bmw che affiancherà la Federtennis fino al 2024 e ad Autogemelli che ha deciso di sponsorizzare Tennis Comunali Vicenza, il circolo cittadino più prestigioso – ha affermato – E’ pronta a scendere in campo la serie A1 dopo un anno tribolato a causa della pandemia e che ci aveva costretto ad una formula ridotta del campionato. Adesso, invece, si ritorna alla normalità con due mesi importantissimi di eventi. Ci saranno, infatti, anche il Next Gen a Milano, le ATP Finals a Torino e la Coppa Davis sempre nel capoluogo piemontese. Una visibilità, quindi, del nostro sport unica, paragonabile solo al calcio. Devo rivolgere i miei complimenti a Tennis Comunali: arrivare in serie A1 è stato un risultato importantissimo, mantenere la categoria altrettanto, ma soprattutto essere saliti a questo livello significa aver lavorato bene a livello giovanile. E sappiamo bene quanto contino i risultati dei giocatori del vivaio, a cui sono affidati due singolari e un doppio, nel massimo campionato. E se Tennis Comunali Vicenza rappresenta un’eccellenza del tennis, mi piacerebbe presto avere in città una squadra di padel di serie A visto il successo, anche a livello sociale, che sta riscuotendo questo sport. L’augurio è di avere maggiori strutture e, soprattutto, circoli che sappiano valorizzare l’attività, partendo dai giovani per arrivare agli agonisti. Alla Regione Veneto, invece, rivolgo l’appello ad organizzare nel prossimo futuro un evento importante come sta già succedendo in regioni quali il Lazio, il Piemonte, la Lombardia, la Sicilia, l’Emilia Romagna, il Friuli Venezia e la Sardegna”.

A portare il saluto di Autogemelli il direttore commerciale Francesco Fortuna: “Il nostro gruppo  – ha illustrato – è da sempre vicino al territorio, in particolar modo al mondo della cultura e dello sport. E siamo contenti da quest’anno di affiancare il nostro nome a quello di Tennis Comunali Vicenza”.

Ultimo ma non ultimo, il presidente di Tennis Comunali Vicenza Enrico Zen, che apre il suo intervento con il ringraziare l’Amministrazione comunale e Autogemelli: “Sarà un campionato difficilissimo in cui, se possibile, si é alzata ancora la qualità, sia per il valore dei giovanissimi giocatori dei vivai sia per il fatto che, viste le date del calendario, molti dei migliori tennisti italiani non impegnati nei tornei scenderanno in campo – ha sottolineato– In poche parole, spettacolo assicurato, ma anche grande battaglia. Per quanto ci riguarda, l’obiettivo è sempre la salvezza, che nella passata stagione abbiamo centrato direttamente senza passare per i playout. E poi sarà importante toccare da vicino, in un palcoscenico così importante, la crescita dei nostri ragazzi, che rappresentano il motivo d’orgoglio e quello per cui lavoriamo ogni giorno con passione, entusiasmo e la voglia di non fermarci mai. Al loro fianco campioni che non hanno bisogno di presentazioni come Marco Cecchinato, già n. 16 del ranking ATP e storico semifinalista sulla terra rossa parigina del Roland Garros, che siamo felici di avere ancora con noi. La serie A1 è la punta di diamante di un movimento che parte dalla base e da quella scuola tennis che é il nostro tratto distintivo e che in 11 anni di storia ci ha portato ad essere un circolo di riferimento e all’avanguardia in città, in provincia e in regione.”.

Debutto sui campi del Tennis Club Genova per poi ospitare, in casa, Rungg e Selva Alta.

 

I vincitori del doppio misto Alessia Stefani e Fabrizio Cavestro con Enrico Zen e Massimo Dambruoso

8 settembre in campo con un appuntamento che ormai é diventato una tradizione per il tennis vicentino fin dal lontano 1997: gli Shoout-out.
La manifestazione é stata ideata da Massimo Dambruoso e ha visto nell’albo d’oro il nome di tanti giocatori noti della provincia, ma anche di fuori.
Questa edizione n. 24 é andata in scena sui nostri campi all’insegna del divertimento, ma anche di un sano agonismo. Nota la formula con il long tie-break che sostituisce il set giocando al meglio dei due su tre. Ad imporsi nel maschile (e si tratta della prima volta!) é stato Marco Tamiello (2.5 del Circolo Tennis Vicenza) che in finale ha sconfitto il nostro Giovanni Peruffo (2.4) al termine di una sfida molto tirata chiusa sul 12-10 e 10-8.
Semifinalisti Simone Fucile (2.6) e Fabrizio Cavestro.
Nel femminile successo ancora targato CTV con la giovanissima Carolina Dibenedetto (2.8) che ha superato un’altra portacolori di Tennis Comunali Vicenza, Alessia Stefani (2.6) per 10-5 10-7.
Semifinaliste Joanna Mancini (3.4 di Tennis Comunali Vicenza) e Anastasia Padovan (3.2 del TC Noventa Vicentina)
Stefani, però, si é presa la rivincita nel doppio misto dove in coppia con Fabrizio Cavestro (2.4 del CTV) si é imposta per 8-10 10-5 10-4 sempre contro Tamiello/Di Benedetto.
Alla fine applausi per tutti con il nostro presidente Enrico Zen (anche lui in campo e sconfitto nei quarti dal poi vincitore) a fare gli onori di casa dando appuntamento fin da ora alla prossima edizione.


SERIE A1 – Prende forma il nuovo campionato di serie A1, che inizierà domenica 10 ottobre e vedrà al via le migliori 16 squadre italiane, suddivise in quattro gironi, in una formula che prevede gare di andata e ritorno.

La nostra formazione, alla sua seconda partecipazione nell’élite del tennis, é stata inserita nel 3 insieme con TC Genova, TC Rungg e Selva Alta.

Il debutto avverrà sui campi del capoluogo ligure per poi ospitare in casa Rungg e Selva Alta.

Per quanto riguarda la formazione, gruppo confermato ad eccezione dell’addio di Thomas Fabbiano, con Aljaz Bedene e Marco Cecchinato chiamati a confermarsi uomini leader.

Due i nuovi acquisti: il finlandese Emil Ruusuvuori, n. 66 del ranking Atp e il tedesco Tobias Kamke, attuale 252 delle classifiche ma che ha raggiunto anche la 64^ posizione.

“Sarà un campionato difficilissimo in cui, se possibile, si é alzata ancora la qualità, sia per il valore dei giovanissimi giocatori dei vivai sia per il fatto che, viste le date del calendario, molti dei migliori tennisti italiani non impegnati nei tornei scenderanno in campo – commenta Enrico Zen, presidente di Tennis Comunali Vicenza – In poche parole, spettacolo assicurato, ma anche grande battaglia. Per quanto ci riguarda, l’obiettivo é sempre la salvezza, che nella passata stagione avevamo centrato direttamente senza passare per i playout. E poi sarà importante toccare da vicino, in un palcoscenico così importante, la crescita dei nostri ragazzi, che rappresentano il motivo d’orgoglio e quello per cui lavoriamo ogni giorno con passione, entusiasmo e la voglia di non fermarci mai”. 

 

 

Sesto torneo vinto quest’anno per Tommaso Dal Santo (2.3), che mette la sua firma nella 41^ edizione dell’open Città delle Rose di Rovigo che, nelle battute finali, si é tinto dei colori di Tennis Comunali Vicenza.

Ben tre dei quattro semifinalisti erano infatti nostri giocatori, con il vicentino Alberto Orso (2.3 tesserato per Ca’ del Moro) che nei quarti aveva eliminato Giovanni Peruffo (2.4) prima di imporsi con un duplice 6-1 su Matteo Meneghetti (2.5).

Dal Santo, invece, aveva esordito battendo l’argentino Giuliano Basile (2.7) con un doppio 6-2 per poi aggiudicarsi il derby tutto in famiglia con Marco Carretta, suo compagno di squadra e di allenamento, piegato con il punteggio di 6-1 6-7 7-5.

Grande battaglia anche nella sfida per il titolo con Tommy che si imponeva per 6-2 3-6 7-6(5) al tie-break decisivo in una finale che non ha deluso le attese mettendo in mostra un bel tennis.